Si è svolta venerdì 7 luglio la premiazione dei vincitori del concorso indetto da Design Artigianale a cura di Angelo Soldani che ha riunito per l’occasione alcuni designer campani in costiera amalfitana, nella splendida piazza S. Francesco di Cetara. In esposizione, i lavori vincitori del concorso, Alberto Rudellat di Nuoro con il suo racconto Who you gonna call? e Francesco del Zompo di San Benedetto del Tronto con Storie di un designer o più semplicemente storie. Il concorso letterario nazionale è stato creato per dare la possibilità ai designer autoproduttori di raccontarsi, di far conoscere il proprio lavoro, l’impegno e lo sforzo, costante e caparbio, che c’è dietro la realizzazione di un progetto, dall’investimento economico a quello di tempo ed energie. Ma non è tutto qui, il concorso si inscrive infatti in un progetto di più ampio respiro che ambisce a creare un vero e proprio censimento dei designer autoproduttori: Realizzare il censimento dei designer che autoproducono mediante la filiera artigianale con l’obiettivo finale di consentire di conoscersi, fare rete e trovare delle forme di vendita vantaggiose e dirette con il massimo utile”. 

Questo il proposito di Soldani che con Design Artigianale intende creare una rete di professionalità che renda veloce ed efficiente la comunicazione, e quindi la collaborazione, tra designer e artigiano. Anche in questa occasione Officina 50 era presente con il progetto N°40. Una piccola esposizione che raccoglieva le idee più interessanti del design campano come la poltrona di Puntolargo, Trono, di Daniele Della Porta, la sedia puntoeacapo di Gianpaolo Lambiase , le ceramiche Bhumi, e ancora  l’appendiabiti Tango di Roberto Monte, Join lamp di Sergio Catalano, Lamp Couture di Valentina Abruzzese, Luchef di Salvatore Martorana, Salerno nel cuore di Pino Roscigno, Le+Chaise di E45, Pietro Marchetti e lo stesso Soldani.

© 2019 — Officina 50

P.iva 0524 611 0653